Le ceramiche di Polizzi Generosa

Un giorno con le mani nell'argilla in un antico laboratorio di ceramiche madonite, dove l'artista Giovanni D'Angelo vi guiderà alla scoperta di questa antica tradizione siciliana attraverso i vari passaggi fino alla realizzazione di un manufatto da portarvi a casa.

Aveva undici anni Giovanni D’Angelo quando ha preso in mano l’argilla, ha realizzato la sua prima ceramica e ha capito che da quel momento in poi non avrebbe più smesso. Avrebbe portato avanti l’antica tradizione di vasai, forniciai e ceramisti della sua famiglia. Per questo la ceramica è la sua vita.

La ceramica è una delle più grandi invenzioni della storia dove, a maggior ragione nell’attuale era digitale, è ancora la presenza umana a fare la differenza. Nelle Madonie è un’arte che affonda le sue radici fin dal Quattrocento, in particolare a Polizzi Generosa e Collesano, seppur in modo più sommesso che altrove. Eppure, questo suo essere un po’ isolata non l’ha solo penalizzata, ma le ha anche permesso di mantenere e consolidare nel tempo uno stile tutto suo: più popolare, arcaico, inconfondibile. Uno stile che negli anni si è tutt’altro che affievolito, arrivando persino a fregiarsi del marchio di Domenico Dolce di Dolce&Gabbana, originario di Polizzi, che ha commissionato proprio alla famiglia D’Angelo numerose creazioni, personali e non.

Ma la magia di questo antico saper fare che si tramanda da secoli, non si può comprendere se non con le mani in pasta, o meglio, in argilla: è questo il motivo per cui andare da Giovanni; perché solo così le tradizioni possono continuare a sopravvivere alle persone, nel tempo, oltre agli spazi. Anche se in realtà non solo di tradizione si tratta, poiché Giovanni, da vero artista, non si è limitato a tramandare fedelmente con dedizione le conoscenze apprese, ma nel corso degli anni si è sperimentato con passione in nuove creazioni, frutto di ricerche approfondite, in una tensione continua verso una soddisfazione a cui sembra non sentirsi arrivato mai. E le sue opere hanno finito per rispondere anche alle esigenze dell’architettura più moderna e dell’arredamento contemporaneo, come dimostrano le scelte di Dolce.

Dunque, se decidete di passare due giorni in questo laboratorio madonita, potrete sperimentare tutte le fasi, partendo dalla lavorazione della materia prima, l’argilla, fino alla cottura del manufatto nei forni antichi e alla decorazione con i colori classici delle maioliche, quelle che sanno di storia, di Sicilia, di vita. Perché provare a fare qualcosa per un giorno è sempre meglio che non averlo provato mai.

In alternativa, per i più frettolosi, anche solo in un paio d’ore è possibile realizzare una ciotola di ceramica raku: un’argilla particolare, lavorata con una tecnica giapponese che consente un risultato più rapidamente. E poi, proprio all’inizio del paese, dopo una fetta di sfoglio, tra un barbiere e l’altro, il negozio con tutte le creazioni di Giovanni: qui sua mamma, con poche ma vivide parole, vi porterà in altri tempi, lontani, dove l’arte ceramista era tutt’altro che un’eccezione. Perché le ceramiche di Polizzi vanno ben oltre la storia personale della famiglia D’Angelo: fanno parte del quotidiano e della storia di tutti i madoniti, che si ritrovano le sue ceramiche nei vari paesi, all’angolo delle vie, sui portoni, per le strade, come insegne dei negozi; lì, a sancire un’appartenenza. Un’appartenenza che pare intangibile, almeno fino al momento in cui non ci si sporca le mani.

Durata

3.30h

Lingue

  • italiano

Quando

    Lunedì: 10:00 - 13:00 / 15:00 - 18:00

    Martedì: 10:00 - 13:00 / 15:00 - 18:00

    Mercoledì: 10:00 - 13:00 / 15:00 - 18:00

    Giovedì: 10:00 - 13:00 / 15:00 - 18:00

    Venerdì: 10:00 - 13:00 / 15:00 - 18:00

    Sabato: 10:00 - 13:00 / 15:00 - 18:00

    Domenica:

Incluso

Corso di ceramica, ciotolina, grembiule

Non incluso

Trasporti

Citazione

"Nel Dopoguerra qui c'erano ancora dodici ceramisti, oggi sono rimasto solo io." - Giovanni D’Angelo

Ideale

Giovanni D’Angelo e la sua famiglia; altri artisti di passaggio; turisti provenienti da tutto il mondo.

Bisogno

Un abbigliamento pratico, da poter sporcare senza preoccupazioni.

Incontrerai

Giovanni D’Angelo e la sua famiglia; altri artisti di passaggio; turisti provenienti da tutto il mondo.